Menu Our services in the selected location:
  • No services available for your region.
Select Location:
Remember my selection
Siamo venuti a conoscenza del fatto che alcune parti esterne stanno falsamente dichiarando di svolgere servizi finanziari per conto di Goldman Sachs (comprese Goldman Sachs Asset Management International e Goldman Sachs International) allo scopo di commercializzare falsi prodotti di investimento e di sollecitare pagamenti monetari. Queste parti esterne possono fingere di rappresentare Goldman Sachs attraverso l’uso di comunicazioni fraudolente tramite e-mail, messaggistica istantanea o telefono, nonché attraverso l’uso di brochure false o altri documenti contenenti loghi e marchi di Goldman Sachs. La Financial Conduct Authority of UK ha emesso degli avvertimenti su queste attività fraudolente che sono disponibili qui e qui .
È importante sapere che qualsiasi comunicazione ricevuta da Goldman Sachs proviene solo da indirizzi e-mail con l’estensione @gs.com e/o può essere reperita sul sito web goldmansachs.com. Ulteriori informazioni su come proteggervi dall’attività online fraudolenta e su come contattarci in merito a questo argomento si possono trovare sulla pagina dedicata alla Sicurezza di Goldman Sachs, disponibile qui .
Il browser è obsoleto. Presenta problemi di sicurezza noti e può non visualizzare tutte le funzionalità di questo e altri siti Web

29 gennaio 2021 | Obbligazioni societarie

Credit Check-In: Veicoli elettrici - lo scenario futuro

La transizione verso uno stile di vita a basse emissioni di anidride carbonica continua ad accelerare nonostante la pandemia globale. In totale, 127 Paesi responsabili di circa il 63% delle emissioni globali di anidride carbonica stanno esaminando o hanno adottato obiettivi di zero emissioni nette di anidride carbonica[1]. Un aspetto incoraggiante è che i recenti impegni di zero emissioni nette di anidride carbonica da parte di Cina, Giappone e Stati Uniti hanno reso possibile l’obiettivo previsto dall’Accordo di Parigi[2]. Pensiamo che nel 2021 un numero maggiore di aziende si unirà ai governi nel presentare impegni di zero emissioni nette prima della 26ᵃ Conferenza delle Parti sul Cambiamento Climatico delle Nazioni Unite (COP26) a Glasgow nel mese di novembre. Di conseguenza, pensiamo che il settore automobilistico globale probabilmente conoscerà un passaggio più rapido verso la trasformazione elettrica dei veicoli (Figura 1) e una diminuzione potenzialmente più rapida nelle vendite di veicoli con motore a combustione interna (internal combustion engine, ICE), come discusso anche durante la conferenza inaugurale Carbonomics di Goldman Sachs Research lo scorso novembre.

I piani di spesa legati al clima del presidente degli Stati Uniti Biden prevedono l’aumento del numero di stazioni di ricarica per veicoli elettrici (VE), che probabilmente può essere ottenuto attraverso il processo di riconciliazione del bilancio (ossia senza supporto bipartitico). La disponibilità di infrastrutture di ricarica per i veicoli elettrici è qualcosa che i nostri analisti specializzati nel settore automobilistico stanno monitorando attentamente. A nostro avviso, il processo di elettrificazione della mobilità sta creando opportunità di investimento in vari settori, incluso quello della tecnologia delle batterie.

FIGURA 1: AUMENTO DELLE ASPETTATIVE PER LA VENDITA DI VE A LIVELLO GLOBALE

Fonte: Goldman Sachs Global Investment Research. Al 3 dicembre 2020.

 

 1Fonte: Climate Action Tracker. A dicembre 2020. Questo materiale è fornito a soli fini formativi e non deve essere interpretato come raccomandazione di investimento o un’offerta o sollecitazione all’acquisto o alla vendita di titoli. Le previsioni economiche e di mercato presentate hanno meri fini informativi e sono aggiornate alla data di questa presentazione. Non c’è garanzia che tali previsioni verranno confermate.  Si vedano le note aggiuntive a fine presentazione.  

2L’Accordo di Parigi è un trattato internazionale giuridicamente vincolante sul cambiamento climatico. Il suo obiettivo è limitare il riscaldamento globale a un valore ben al di sotto di 2, preferibilmente a 1,5 gradi Celsius, rispetto ai livelli preindustriali. Per raggiungere questo obiettivo a lungo termine sulla temperatura, i Paesi puntano a raggiungere il picco globale delle emissioni di gas serra il prima possibile per ottenere un mondo a impatto zero sul clima entro il 2050. Fonte: UNFCCC. Recenti importanti sviluppi: La Cina si è impegnata a raggiungere un massimo delle emissioni di anidride carbonica prima del 2030 e ad ottenere la riduzione a zero delle emissioni prima del 2060 (settembre 2020); il Giappone ha annunciato i propri piani per diventare una società a zero emissioni di anidride carbonica entro il 2050 (ottobre 2020); negli Stati Uniti il Presidente Biden ha annunciato i piani che puntano ad ottenere zero emissioni di anidride carbonica entro il 2050 e il Regno Unito ha presentato un piano di 10 punti per una Rivoluzione Industriale Verde (novembre 2020); il Presidente Biden ha firmato un ordine esecutivo per il rientro degli Stati Uniti nell’Accordo di Parigi sul Clima (gennaio 2021). Da ricordare: A gennaio 2020, la Commissione Europea ha presentato il Piano di Investimenti Green Deal per portare l’Europa al raggiungimento di zero emissioni di anidride carbonica entro il 2050 e lo stesso obiettivo nel 2019 è diventato legge nel Regno Unito.

 

Resta informato sugli ultimi sviluppi del mercato e sui principali temi per i tuoi portafogli e le tue attività professionali.
Resta connesso

Approfondimenti correlati

Obbligazioni globali

Ogni settimana il team obbligazionario rilascia le sue opinioni sulle strategie macroeconomiche, tra cui duration, paesi, valute, e le strategie settoriali come il debito cartolarizzato, le obbligazioni societarie, il debito dei mercati emergenti, i titoli di stato/agenzie e municipali.