Our services in the selected country:
  • No services available for your region.
Select Country:
Remember my selection
Il browser è obsoleto. Presenta problemi di sicurezza noti e può non visualizzare tutte le funzionalità di questo e altri siti Web
MARKET PULSE 
|
Settembre 2018

MARKET PULSE

Prospettive macroeconomiche


Crescita

La crescita del PIL statunitense nel secondo trimestre (2T) pari al 4,2% è stata la più forte in quasi quattro anni e potrebbe aver segnato un punto di massimo nella dinamica espansiva dell'economia. Anche se il picco è passato, continuiamo a ritenere che i fondamentali economici ci mantengano al riparo dal rischio di recessione. Rimaniamo aperti alle sorprese positive derivanti dalla politica fiscale favorevole, dal recente sentiment accomodante verso la Fed e da un contesto di tassi ancora su livelli bassi. Attualmente, i tassi di crescita economica dell’Area Euro e del Giappone sembrano stabili, rispettivamente pari a circa il 2% e di poco inferiori. Scopri di più

Curve senza curve

La curva dei rendimenti del Treasury statunitense si è appiattita, in linea con i precedenti cicli restrittivi, ma non prevediamo che una struttura a termine più piatta possa alterare la funzione di reazione della Fed. A nostro avviso, sebbene le inversioni della curva dei rendimenti spesso hanno preceduto le recessioni, non le hanno causate. Le inversioni indicano invece le condizioni che di solito avvengono prima delle recessioni. Pertanto, preferiamo esaminare dati economici più esaustivi per valutare il rischio di recessione, che riteniamo rimanga basso. Scopri di più

Accordi commerciali

Con il fine di modernizzare il NAFTA, il Presidente Trump ha annunciato un accordo preliminare con il Messico che verte principalmente sulle auto, sulle regole di provenienza e sulla risoluzione del contenzioso. Sul primo punto, il nuovo accordo richiederebbe che almeno il 75% delle componenti automobilistiche provengano dal Nord America, per evitare dazi. Questo accordo, pur essendo preliminare ed escludendo nettamente il Canada, non solo fornisce la prova che le negoziazioni bilaterali potrebbero potenzialmente essere ancora efficaci in un mondo multilaterale, ma spinge indirettamente anche altri partner commerciali a un simile impegno. Scopri di più

Prospettive di mercato


Rischio e remunerazione

Riteniamo che l’S&P 500 chiuderà il 2018 generando rendimenti modesti, ma potrebbe avvenire un rialzo in caso di attenuazione delle tensioni commerciali, di rallentamento del ritmo di normalizzazione della Fed e di persistente forza della crescita statunitense. Tuttavia, i cambiamenti di volatilità possono essere repentini: riteniamo che sia arrivato il momento di preparare i portafogli. Scopri di più

Value o Growth

Entrambi, secondo noi. Dopo anni di "growth", ci si pone delle domande sulla rotazione da uno stile di investimento all'altro. Il punto di svolta per la rotazione è difficile da determinare con precisione, ma storicamente un lungo periodo di dominanza "growth" è stato seguito da un lungo periodo di "value". Per il momento, riteniamo che le condizioni macroeconomiche sostengano i titoli growth, ma un allontanamento dalle condizioni attuali potrebbe spostare l'equilibrio a favore delle azioni "value". Scopri di più

Nessun perdono per la Turchia

Nel 2017, la crescita del PIL della Turchia è balzata a oltre l’11%, generando un gap produttivo positivo, un’inflazione superiore al 15% e un ampio deficit delle partite correnti. A metà agosto, le sanzioni statunitensi hanno determinato un rapido deprezzamento della valuta nell’ordine di grandezza del 40%, insieme a una banca centrale senza l’indipendenza necessaria per portare avanti una politica monetaria appropriata. Nel breve termine, la situazione turca potrebbe incidere sul sentiment dei Mercati Emergenti, ma poiché la sua quota del PIL mondiale rappresenta solo l’1%, non prevediamo delle ricadute significative sui mercati globali. Scopri di più

Elezioni di metà mandato e mercati

Gli indici di gradimento e i sondaggi indicano una maggioranza democratica alla Camera e repubblicana al Senato. Sul fronte della politica, prevediamo un impulso leggermente più espansionistico sotto il continuo controllo dei Repubblicani piuttosto che sotto un Congresso diviso ma, come illustrato nella pagina successiva, storicamente i mercati hanno attribuito scarsa importanza alle relazioni statisticamente significative con il quadro politico. Scopri di più

Politica e matematica


Con l’avvicinarsi delle elezioni di metà mandato e gli sviluppi politici, gli investitori spesso adottano un approccio attendista. Sebbene l’incertezza di un panorama politico polarizzato sia comprensibile, i dati storici del mercato evidenziano alcune conclusioni importanti per gli investitori durante le elezioni. In media, 1) i mercati registrano un rialzo dopo le elezioni, indipendentemente dall’esito; 2) il rialzo post-elettorale tipicamente inizia a ottobre: vale a dire prima delle elezioni; e 3) la significatività statistica tra i risultati delle elezioni e i rendimenti del mercato è limitata.

I rialzi post-elettorali spesso iniziano prima delle elezioni.

L’andamento dell’S&P 500 durante gli anni in cui vi sono le elezioni di metà mandato suggerisce dei rendimenti invariati o leggermente negativi con l’approssimarsi delle elezioni. Proprio prima della scadenza di metà mandato, la volatilità diminuisce e i mercati azionari iniziano il rialzo, probabilmente scontando nei prezzi l’esito atteso. Sebbene vi sia un enorme variabilità nei dati, suggeriamo di rimanere strategicamente disciplinati prima delle elezioni. Altrimenti, un atteggiamento “attendista” spesso diventa un'occasione “di rimpianto”.

Fonte: GSAM.

Il mercato sembra scontare nei prezzi la probabilità di una politica trasformista in ogni elezione statunitense.

Le stime dei moltiplicatori fiscali (lo stimolo alla produzione generato per ogni dollaro di spesa) indicano che non tutte le politiche fiscali sono create allo stesso modo. Secondo la ricerca accademica esiste un’ampia gamma di moltiplicatori, ma in linea generale si presume che i moltiplicatori di breve termine (2-3 anni) siano maggiori per la spesa infrastrutturale e per la spesa pubblica generale.

Fonte: Ufficio di bilancio del congresso e GSAM.
RIDUCI LE NOTE SUPPLEMENTARI VISUALIZZATE


Rimani informato e anticipa i mercati


SCARICA IL MARKET PULSE

Accedi al PDF completo da utilizzare con i tuoi clienti

ABBONATI AL MARKET PULSE

Ricevi l’ultimo Market Pulse direttamente nella tua casella di posta non appena verrà pubblicato

Gestisci le sottoscrizioni

Approfondimenti correlati



CONTATTACI

Per ulteriori informazioni